fbpx

Le complicanze dell'insufficienza venosa cronica

L’insufficienza venosa cronica (IVC) degli arti inferiori è una condizione caratterizzata dal ristagno del sangue nel sistema venoso delle gambe, provocando sintomi come dolore, affaticamento, gonfiore alle gambe e crampi. Pur progredendo lentamente e non risultando letale di per sé, la IVC può significativamente compromettere la qualità della vita del paziente, influenzando anche la sua capacità lavorativa. La gestione efficace della IVC è fondamentale per alleviare i sintomi e migliorare la qualità della vita delle persone colpite. 

Si tratta di una condizione causata dalla disfunzione delle valvole venose, che si presenta con una serie di problemi legati alla gravità e alla durata della malattia. La terapia principale per la gestione della IVC si basa sull’utilizzo di una terapia compressiva appropriata in termini di tipo e intensità. Quando si tratta di adulti anziani, è fondamentale prestare particolare attenzione durante la valutazione del paziente, tenendo conto dei fattori correlati all’età che possono influenzare la presentazione clinica e la risposta al trattamento della IVC. Questo approccio mirato può contribuire a garantire un’assistenza ottimale e migliorare i risultati nel trattamento della malattia negli anziani. 

Le varie difficoltà dell’insufficienza venosa cronica comprendono una serie di cambiamenti nella pelle, come macchie scure, eczemi e cicatrici, oltre a sintomi come gonfiore, dolori alle gambe e vene varicose. Inoltre, l’insufficienza venosa può spesso portare alla formazione di ulcere alle gambe, che sono dolorose e possono rappresentare una sfida nel trattamento, specialmente negli anziani. In uno studio su pazienti con IVC è stato dimostrato che esiste un legame significativo tra insufficienza venosa e ulcere. Con l’avanzare dell’età, sia la comparsa di questi problemi cutanei che il legame tra IVC e ulcere diventano più comuni, evidenziando l’importanza di un’adeguata gestione e prevenzione della IVC nelle popolazioni anziane. 

È possibile concordare che la IVC è strettamente correlata alle ulcere venose degli arti inferiori (VLU), rappresentando una delle sue complicazioni più significative. Uno studio su 600 operatori sanitari con un’età media di 42 anni ha scoperto che il 69,1% di loro aveva problemi di circolazione venosa come IVC e reflusso venoso in almeno una gamba. Tra le persone anziane di 65-74 anni, a circa il 5% ricoverato in ospedale è stata diagnosticata una malattia venosa, con o senza ulcere agli arti inferiori. Di 141 pazienti di età superiore ai 75 anni ricoverati in ospedale per edema alle gambe cronico, il 69% ha mostrato segni di IVC. Tra i pazienti con IVC, oltre il 18% degli anziani oltre i 65 anni sviluppa ulcere agli arti inferiori. Il trattamento di queste ulcere negli anziani è complicato, con impatti significativi sulla loro vita quotidiana e sulla situazione economica. Prevenire il passaggio dalla IVC alla complicanza di ulcere venose è importante. Anche se la causa delle ulcere venose non è completamente chiara, sembra che problemi nella circolazione siano coinvolti. 

La IVC è strettamente legata alla circolazione venosa, aumentando anche il rischio di eventi trombotici come la trombosi venosa superficiale o profonda (TVP). Questa condizione è più comune negli anziani, soprattutto quelli oltre i 70 anni, e il rischio di TVP aumenta con la gravità della IVC. La TVP rappresenta un grave rischio di embolia polmonare, indicata come la terza causa più comune di morte cardiovascolare. 

Invece la tromboflebite superficiale (SVT) di solito si verifica spontaneamente o dopo un piccolo trauma locale, soprattutto nei pazienti con vene varicose. Non è sempre innocua, perché il coagulo può muoversi verso il sistema venoso profondo. I pazienti spesso presentano un nodulo o un cordone rosso doloroso, con gonfiore e calore nella zona interessata. In questi casi è importante effettuare un’ecografia per verificare quanto sia esteso il coagulo e per escludere la presenza di una trombosi venosa profonda. Se la SVT coinvolge solo una piccola parte di una vena varicosa, può essere alleviata rapidamente rimuovendo il coagulo con una piccola incisione. 

Per concludere, l’insufficienza venosa cronica degli arti inferiori rappresenta un problema significativo, soprattutto negli anziani, portando a una serie di disagi che possono influenzare profondamente la loro vita quotidiana. Le ulcere venose agli arti inferiori, spesso associate alla IVC, rappresentano una delle complicazioni più gravi, rendendo difficile la gestione e avendo un impatto negativo sulla qualità della vita e sul benessere finanziario degli anziani. Inoltre, la IVC aumenta il rischio di coaguli di sangue, come la trombosi venosa, che possono comportare rischi vitali come l’embolia polmonare. Pertanto, è essenziale adottare misure preventive e trattamenti tempestivi per gestire l’insufficienza venosa e prevenire complicazioni gravi, al fine di preservare la salute e il benessere degli anziani nel lungo periodo.

Bibliografia: 

  1. Thao Cuong L, Tat Bang H, Le An T, Thi Thien Nga L, Thanh Vy T. Quality of Life of Patients With Chronic Venous Insufficiency of the Lower Extremities Before and After Endovascular Laser Ablation: A Prospective Pilot Study Using the Chronic Venous Insufficiency Quality of Life Questionnaire 20 (CIVIQ-20). Cureus. 2023 Jul 13;15(7):e41854. doi: 10.7759/cureus.41854. PMID: 37457611; PMCID: PMC10345167.
  2. Mayrovitz HN, Aoki KC, Colon J. Chronic Venous Insufficiency With Emphasis on the Geriatric Population. Cureus. 2023 Jun 20;15(6):e40687. doi: 10.7759/cureus.40687. PMID: 37485203; PMCID: PMC10358300. 
  3. De Maeseneer MG, Kakkos SK, Aherne T, Baekgaard N, Black S, Blomgren L, Giannoukas A, Gohel M, de Graaf R, Hamel-Desnos C, Jawien A, Jaworucka-Kaczorowska A, Lattimer CR, Mosti G, Noppeney T, van Rijn MJ, Stansby G, Esvs Guidelines Committee, Kolh P, Bastos Goncalves F, Chakfé N, Coscas R, de Borst GJ, Dias NV, Hinchliffe RJ, Koncar IB, Lindholt JS, Trimarchi S, Tulamo R, Twine CP, Vermassen F, Wanhainen A, Document Reviewers, Björck M, Labropoulos N, Lurie F, Mansilha A, Nyamekye IK, Ramirez Ortega M, Ulloa JH, Urbanek T, van Rij AM, Vuylsteke ME. Editor’s Choice – European Society for Vascular Surgery (ESVS) 2022 Clinical Practice Guidelines on the Management of Chronic Venous Disease of the Lower Limbs. Eur J Vasc Endovasc Surg. 2022 Feb;63(2):184-267. doi: 10.1016/j.ejvs.2021.12.024. Epub 2022 Jan 11. Erratum in: Eur J Vasc Endovasc Surg. 2022 Aug-Sep;64(2-3):284-285. PMID: 35027279.